Politica e lingue

Concorso INPS, il Tar annulla il requisito sull’Inglese B2.

81Letture

Concorso INPS, il Tar annulla il requisito sull’Inglese B2.

Da poche settimane è stato pubblicato il tanto atteso Concorso Pubblico presso l’INPS, un bando che permetterà l’assunzione di 365 Funzionari con contratto di lavoro a tempo indeterminato, come detto questa selezione pubblica era molto attesa poiché l’Inps erano diversi anni che non emanava un concorso pubblico, ma subito dopo la pubblicazione in gazzetta ufficiale si sono alzate molte polemiche per via di un requisito contenuto nel bando che richiedeva la conoscenza della lingua inglese con livello B2.

I cittadini italiani notoriamente non sono profondi conoscitori della lingua inglese e la richiesta della conoscenza dell’Inglese con Livello B2 ha colto un po’ tutti di sorpresa, molti infatti si sono subito rivolti alle scuole specializzate per lo studio dell’Inglese nella speranza di ottenere la certificazione richiesta entro il termine ultimo per presentare la domanda di partecipazione, altri invece hanno deciso di percorrere la strada del ricorso alla giustizia amministrativa per invalidare gli effetti del bando.

Chi ha scelto quest’ultima strada ha avuto ragione, infatti il Tar del Lazio in data 18 Dicembre 2017 ha accolto il ricorso presentato da un’aspirante candidata che aveva intenzione di partecipare al bando anche se non in possesso del requisito sulla conoscenza della lingua inglese con livello B (la sentenza).

Il Tar senza mezzi termini ha stabilito che l’INPS dovrà adottare tutte le misure necessarie ad assicurare la presentazione della domanda e ad ammettere con riserva la ricorrente a partecipare alle prove concorsuali se in possesso di tutti gli altri requisiti richiesti ad accezione di quello contestato con il presente gravame.

La sentenza ovviamente è valida solo per la candidata che ha presentato ricorso e non per tutti gli altri candidati, quindi cosa dovrebbero fare tutti gli altri? Cosa farà l’INPS?

L’Inps potrebbe percorre due strade, la prima modificare il bando prima che scada e permettere quindi a tutti di partecipare senza il requisito sulla lingua inglese, in alternativa potrebbe tardare ad ottemperare alla richiesta del Tar del Lazio e lasciare tutto immutato fino alla scadenza della domanda.

Per quanto riguarda il resto dei candidati per partecipare al bando senza rispettare il requisito sulla conoscenza della lingua inglese dovrebbero presentare anche loro ricorso, ma tutto questo potrebbe creare caos ed intasare il lavoro del Tar del Lazio che si vedrebbe sommerso dai ricorsi che con tutta probabilità non avranno esito prima della scadenza del bando.

miuristruzione.it | 20. 12. 2017

Lascia un commento